Ciambelle salate

Le Ciambelline salate sono troppo sfiziose, golose e versatili . Perfetti per un buffet o per una cenetta speciale, sono leggerissime e molto invitanti per non provarle!

ingredienti:

500 gr di patate

acqua fredda qb.

50 ml di latte tiepido

8 gr di lievito di birra fresco

400 gr di farina 00

30 gr di formaggio grattugiato

2 cucchiai di olio e.v.o

1 uovo medio

10 gr di sale

100 gr di salame a cubetti

50 gr di pomodorini secchi

olio di arachidi qb. per friggere

 

Procedimento:

metto in una casseruola 500 gr di patate con dell’acqua fredda fino a coprirle.  Lascio cuocere per. circa 30 minuti da quando inizia il bollore; saranno cotte quando andando ad inserire i rebbi della forchetta affondano facilmente. Dopo di che lascio raffreddare e vado ad eliminare la buccia. faccio sciogliere in 50 ml di latte tiepido 8 gr di lievito di birra fresco. In una ciotola capiente vado a schiacciare le patate con uno schiacciapatate. Unisco 400 gr di farina 00, 30 gr di formaggio grattugiato, 2 cucchiai di olio e.v.o e un uovo medio.  verso il composto di latte e lievito e inizio ad amalgamare il tutto, a metà lavoro aggiungo 10 gr di sale e ricomincio a rimpastare.  quando l’impasto sarà quasi del tutto omogeneo aggiungo 100 gr di salame a cubetti e  50 gr di pomodori secchi; impasto fino ad ottenere un composto omogeneo. Trasferisco l’impasto sulla spianatoia leggermente infarinata, taglio dei pezzi di circa 70 gr e formo delle corde lunghe circa 20 cm; unisco formando delle ciambelle. Copro con un canovaccio e faccio lievitare fino al raddoppio. Trascorso il tempo necessario friggo le ciambelle in abbondante olio d’arachidi. Faccio asciugare l’olio in. eccesso su della carta assorbente. 

 

<iframe width=”560″ height=”315″ src=”https://www.youtube.com/embed/HBU7Q_VP3fM” frameborder=”0″ allow=”autoplay; encrypted-media” allowfullscreen></iframe>

Tags from the story
Scritto da
Altro da Uccia3000

rotoloni da buffet

I rotolini sono dei dolcetti morbidi e delicati, con una farcia fresca...
Leggi ancora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *